La nascita di Edipo e l’enigma della Sfinge – ricerca mitologica di Giovanni Teresi

Edipo e la Sfinge – dipinto di Jean Auguste Dominique Ingres – Wikipedia

 

Dopo la morte di Anfione, lo scettro passò nelle mani di Laio. Egli sposò la figlia di Meneceo, di nome Giocasta, secondo alcuni, secondo altri Epicaste. L’oracolo del dio aveva avvertito Laio di non generare figli, perché il figlio nato da lui avrebbe ucciso il padre; ma il re, ubriaco, si unì ugualmente a sua moglie. Allora diede il neonato ai pastori, perché lo esponessero, dopo avergli trapassato le caviglie con uno spillone. Così il bambino fu esposto sul monte Citerone, ma i mandriani di Polibo, re di Corinto, lo trovarono e lo portarono alla moglie di Polibo, Peribea. Lei lo adottò e lo fece passare per suo, gli medicò le caviglie e lo chiamò Edipo, nome che significa “quello dai piedi gonfi”. Quando diventò un giovanotto, era il più forte di tutti i suoi coetanei: e un giorno, per invidia, lo offesero chiamandolo bastardo. Il ragazzo allora ne chiese la ragione a Peribea, ma non  poté sapere niente; quindi si recò a Delfi, per interrogare il dio sui suoi genitori. E il dio gli disse di non andare mai nella sua terra patria, altrimenti avrebbe ucciso suo padre, e si sarebbe unito in amore con sua madre. Sentito questo, e credendo, lasciò Corinto. Attraversando la Focide con il suo carro, in uno stretto passaggio incrociò il carro sul quale viaggiava Laio. Polifonte, l’araldo di Laio, gli gridò di spostarsi, ma Edipo non obbedì e rimase fermo. Allora Polifonte gli uccise uno dei cavalli, e Edipo, infuriato, uccise sia Polifonte che Laio, e arrivò a Tebe. Laio fu sepolto da Damasistrato, il re di Platea, e a Tebe prese lo scettro Creonte, figlio di Meneceo. Durante il su regno, Tebe fu afflitta da un grave flagello. La dea Era mandò a Tebe la Sfinge, figlia di Echidna e di Tifone, che aveva il volto di donna, il petto, le zampe e la coda di leone, e le ali di uccello. Le Muse le avevano insegnato un enigma e, stando seduta sul monte Ficio, poneva questo enigma ai Tebani. Esso diceva: “Qual è quella cosa che ha una sola voce, e ha quattro gambe e due gambe e tre gambe?”. I Tebani avevano ricevuto un oracolo, secondo il quale si sarebbero liberati della Sfinge solo quando avessero risolto il suo enigma; per questo spesso si riunivano a discuterne il significato, ma siccome non ci riuscivano, la Sfinge ogni volta prendeva uno di loro e se lo mangiava. Molti erano già finiti così. E per ultimo anche Emone, il figlio di Creonte. Allora Creonte fece un bando: chi fosse riuscito a sciogliere l’enigma della Sfinge avrebbe avuto il regno e la vedova di Laio in sposa. Edipo ascoltò l’enigma della Sfinge e riuscì a risolverlo: la soluzione era “l’uomo”. Infatti da bambino ha quattro piedi, perché cammina a quattro zampe; da adulto due piedi; e da vecchio tre, perché si appoggia al bastone. La Sfinge allora si gettò giù dalla rocca, mentre Edipo ebbe il regno e senza saperlo sposò sua madre, ed ebbe da lei due figli maschi, Eteocle e Polinice, e due femmine; Ismene e Antigone. Ma c’è chi sostiene che i figli li ebbe insieme a Eurigania, figlia di Iperfante. Quando in seguito venne alla luce tutto ciò che era successo, Giocasta si impicò, ed Edipo si accecò e venne scacciato da Tebe: fu allora che lanciò una maledizione contro i suoi figli, colpevoli di non avergli dato nessun aiuto, pur vedendo che lo bandivano dalla città. Allora insieme ad Antigone arrivò a Colono, in Attica, dove c’è il recinto sacro delle Eumenidi; l’ì si fermò come supplice, con l’ospitalità di Teseo, e poco tempo dopo morì.

Giovanni Teresi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...