L’ultimo saluto – lirica di Giovanni Teresi per il Giorno della Memoria

Immagine correlata

Campo di concentramento – ricerca immagini trami google

 

L’ultimo saluto

 Separati dagli affetti,

nei sessi,

stretti ed ammassati,

lungo i tralci di filo spinato,

è vietato darsi la mano.

Gli sguardi liberi,

tristi,

cercano atterriti

l’amico, la moglie,

i figli, le figlie.

Nel cielo plumbeo,

tra tetri orribili spari,

s’ode il tonfo di poveri corpi

nelle pozzanghere di putrida acqua.

Una mano scarna saluta,

nel cupo silenzio,

nel pianto,

nella pioggia di ceneri

le anime dei propri cari.

Giovanni Teresi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...