“Il reciproco dono” lirica di Giovanni Teresi per il Giorno della Memoria

Immagine correlata

Campo ci concentramento Fossoli – ricerca immagini tramite google

 

Il reciproco dono

 Nella massa di esili corpi,

tra grigi capanni,

alle tenue luci

ach’esse spettrali,

due sagome camminano lente,

appena vestite.

Si cercano,

s’rincorrono da lontano,

si guardano …

Nella folla smarrita,

una giovane riconosce il fratello,

che saluta

con gesto di grazia, di pietà.

Tra i tralci di filo spinato

butta il tozzo di pane

che ha tra le tremule mani.

La povera donna coglie da terra

il pane ammuffito,

lo bacia e lo rigetta al fratello,

che tra poco mai più vedrà.

Alle tenue luci,

lungo la via del non ritorno,

s’abbracciano nel pianto

le  scheletriche sagome

vaganti nella terra bagnata

dalla pioggia di ceneri al vento.

Giovanni Teresi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...